Si è verificato un errore nel gadget
Perchè le canzoni non ti tradiscono, anche chi le fa può tradirti, ma le canzoni, le tue canzoni, quelle che per te han voluto dire qualcosa le trovi sempre lì, quando tu vuoi trovarle, intatte, non importa se cambierà chi le ha cantate, se volete sapere la mia, delle canzoni, delle vostre canzoni vi potete fidare!!

lunedì 8 marzo 2010

Generazione blog & wiki

Spopolano nel web, quasi quasi iniziano a sostituire i nostri amati pezzi di carta. Blog, bloggare, blogger, wikifairy e wikignome, parole che oggi fanno parte del nostro vocabolario e che hanno fatto la loro prima apparizione nel 1997 grazie ad un certo Dave Winer; ma pur essendo talmente famosi da far tremare di paura la vecchia carta stampata non tutti ancora sanno che cosa siano, la loro differenza...ed è per questo che cercherò di illuminare le vostre menti.

Blog: tipico nome che nel gergo del Net indica un sito web gestito da una persona o da un ente, con pubblicazioni più o meno periodiche, compilate proprio dall'amministratore del blog...in parole povere il vecchio diario segreto della mamma messo per iscritto su di una pagina web. Ne esistono di tutti i tipi (blog di informazione, blog di attualità, blog di un fan club etc.) e per realizzarli occorre solo una connessione ad internet e tanta voglia di scrivere.

Wiki: fratello del blog, il wiki è anche esso un sito web che però può essere gestito da chiunque voglia attraverso modifiche, ottimizzazioni, cancellature. Esempio lampante di un wiki è proprio la piattaforma Wikipedia inaugurata nel 2001 e anch'essa come ogni wiki ha lo scopo di condividere notizie, informazioni attraverso il buon senso degli utenti.

Per altre informazioni vai su : www.wikipedia.org

4 commenti:

  1. e sulla fonte delle informazioni che mi dici?

    http://antonietta.philo.unibo.it/blog/?p=571
    queste ad esempio sono corrette? e secondo te perché?

    RispondiElimina
  2. Non ho l'assoluta certezza che siano corrette perchè riguardo alle fonti citate dall'autore dell'articolo i primi due link rimandano a siti che apparentemente parlano di altro e solo l' articolo citato di Marco Bonifacio (che ho ritrovato e riletto) parla dell'ontologia nel web. Alla fine di questo gomitolo di Arianna che cosa mi puoi dire???

    RispondiElimina
  3. Ti sembra poco?!
    Chiunque può pubblicare in rete...chiunque.
    Mi spieghi come fa la gente comune a capire se la notizia è attendibile o meno?

    Cosa ti fa credere, o sperare, che la notizia sia valida, plausibile, non inventata?

    He si, la fiducia è una gran cosa...

    Puoi supporre che una notizia sia "buona" se viene da un sito attendibile..
    ma soprattutto diventa attendibile quando ha raggiunto un alto livello di consenso (cioè in molti ritengono che l'informazione sia valida facendo riferimento ad essa)..

    Si è un gomitolo di Arianna, ma il filo , il collegamento , il link, serve appunto per uscire dal labirinto...come hai sperimentato tu stessa!

    RispondiElimina